MENU
Italiano English
PATRIZIA POLESE

PATRIZIA POLESE

CV

Patrizia Polese vive e lavora  a Treviso. Ha conseguito il diploma alla Scuola d'Arte Applicata del Castello Sforzesco di Milano, con specializzazione nell'arte della tessitura (1995). Dopo una lunga esperienza nel campo del restauro (Milano - Venezia 1993-97), la passione artistica e tessile l'ha portata ad approfondirne la ricerca partendo dal quotidiano, dal transitorio e dall'effimero.
Espone regolarmente le sue opere in Italia e all'estero.
2013 – XXIV Triennale Internazionale del tessuto – Museo Tessile – Łódź – Polonia.
2012/13 - XXII Esposizione internazionale – Miniartextil – Como – Parigi.
2004/2005 – Gallery of Kyoto Traditional arts and crafts – Giappone.
Collabora con Aziende nel campo del design e dell'abbigliamento.
Docente  di  tessitura con telaio verticale nelle scuole medie e superiori.
Organizza corsi annuali, trimestrali e workshop di tessitura con telaio verticale presso il suo atelier a Treviso  e presso Associazioni in città differenti.

Patrizia Polese lives and works in Treviso. Her diploma is from the applied art school “Scuola d'Arte Applicata del Castello Sforzesco” in Milan, specialising in textile art (1995).  After a long period of experience in the restoration field in Milan and Venice from 1993 to 1997, her passion for art and textiles led her on to further experimentation gaining inspiration from everyday life, the transitory and the ephemeral.
She regularly exhibits her work in Italy and abroad.
2013 -  24th International Triennial of Tapestries – Textile Central Museum – Łódź – Poland.
2012/13 – 22nd International Miniartextil Exhibition – Como and Paris.
2004/2005 – Gallery of Kyoto Traditional arts and crafts – Japan
Collaborates with companies in the fields of design and clothing.
Teacher of textiles using vertical loom in middle schools and high schools.
Organises annual, three-monthly courses and vertical loom workshops at her studio in Treviso and at associations in a number of different cities.



Statement

Vorrei che la natura vincesse che fosse imperante e dominante vorrei che potesse imporsi con la sua presenza maestosa, vorrei che potesse urlare con le forme e la luce e che sangue e collera mettesse a tacere per sempre. Vorrei che ci zittisse vorrei che tutti noi finalmente disarmati ci fermassimo a guardare, amare, ascoltare. Lei ha già detto tutto, sta a noi ora.
Piccoli… possiamo essere piccoli e arroganti esseri blasfemi e stupidi a pensare di domarla e metterla al nostro servizio... che ridicoli esseri senza scampo... Possiamo tutto ma non decidiamo, vogliamo tutto ma non sappiamo offrire.
Il nostro male è pensare che siamo un'altra cosa, staccata e dissociata una perfida illusione una bugia che ci tiene in vita.
Ma, nel nostro cuore c’è il muschio, lo stesso delle rocce, nelle vene scorre l'acqua fresca di montagna, il pancreas è una spugna di mare e l'intestino un serpente dorato, le mani sono come ragni, le sinapsi come rami di un albero i muscoli come petali e le ossa come rami, le unghie conchiglie.
Ogni cosa di noi ricorda la natura se vogliamo. Io voglio! E tu?


I would like nature to win, for it to prevail, to be dominant and impose itself in all its majestic presence, I would like it to be able to shout with forms and light and that its blood and anger silence us up forever. I would like it to shut us up, I would like us all, finally disarmed, to stop, to look and to listen. Nature has already told us everything, now it is up to us.
Small creatures… we can be small and arrogant beings that blaspheme and are stupid enough to think we can tame her and put her to our service… what ridiculous beings we are, with no way of escape... We can do anything but we do not decide, we want everything but we know not how to offer, to give.
Our great defect is to think we are something other than what we are, detached and cast adrift, a disassociated and perfidious illusion that is a lie that keeps us alive.
There in our heart though there is moss, like on the rocks, in our veins flows cool mountain water, the pancreas is a sea sponge and the gut is a golden serpent, our hands are like spiders, our synapses like tree branches, our muscles like petals, bones like branches and our nails shells.
Everything reminds of nature if we wish. And I wish! Do you?


IMMAGINI

I love you  I love you



Back