MENU
Italiano English
GABRIELLA CRISCI

GABRIELLA CRISCI
CURRICULUM VITAE

Gabriella Crisci studia scultura con il maestro Augusto Perez presso l’Accademia di Belle Arti di Napoli diplomandosi nel 1994 e da allora si dedica assiduamente a sculture-installazioni di medio- grandi dimensioni e alla realizzazione di gioielli di ricerca realizzati con materiali industriali e con l’ausilio di suoni, luci, odori.
Attualmente, vive e lavora a Benevento partecipando a numerose mostre nazionali e internazionali fra le quali ricordiamo, TraCarte 4 e 5, a Foggia e la 7th Treinnale internazionale di arte tessile contemporanea di Tournai in Belgio.

Gabriella Crisci studied sculpture with the Master sculptor Augusto Perez at the Academy of Fine Arts in Naples and graduated in 1994. He has since then been devoting himself to medium and large-sized sculptures and installations and making experimental jewellery using industrial materials as well as sound, light and scent.
He currently lives and works in Benevento and has participated in many national and international exhibitions such as TraCarte 4 and 5, Foggia and the 7th International Triennial of contemporary textile art in Tournai in Belgium.



STATEMENT

L’oggetto come status simbol è da circa dieci anni il filo conduttore del mio più recente percorso artistico. Oggetti di uso quotidiano assemblati, decontestualizzati e reinventati evidenziano l’effimera realtà in cui vive oggigiorno l’essere umano. Le tematiche che affronto sono le più disparate; dalle diversità religiose (utilizzando oggetti di uso quotidiano come i “Tappeti di preghiera”), alle insicurezze delle persone e alla conseguente necessità di difendersi facendosi scudo con “l’Abito”. Ma tra i temi da me affrontati ci sono anche i sentimenti. Con “In a sentimental mood” rappresento l’innamoramento che avviene attorno ad una tavola imbandita, giocando con sottile ironia e coinvolgendo i sensi degli attori protagonisti e di chi osserva.

The object as status symbol has been the main theme of my latest artistic journey over the last ten years or so. Everyday objects are assembled, decontextualized and reinvented to highlight the ephemeral nature of the reality in which human beings live today. The subjects I approach are the most disparate in nature, from religious diversity (using everyday objects like the Prayer mat), to people’s insecurities and their consequent need for a defence using “Dress” as a shield.
Among the themes I have addressed are those relating to feelings. With "In a sentimental mood" I represent the love that is felt around a laid table, playing on the subject with irony and involving the senses of the leading parts and of the spectator.

Ha partecipato all’edizione 2015 MINIARTEXTIL Invito a tavola (Ex Chiesa di San Francesco, Como)

IMMAGINI





Back