MENU
Italiano English
MARCO VIDO

MARCO VIDO
CURRICULUM VITAE

Marco Vido (Como, 1960) si laurea in architettura al Politecnico di Milano nel 1985. Dopo anni di intensa attività come architetto, decide di dedicarsi a tempo pieno alla pittura, prima per passione poi affrontando temi dal contenuto sociale. Le ingiustizie, le sopraffazioni, le disuguaglianze, l’“umana cosa” sono alla base della sua ricerca. Affascinato dai grandi maestri delle Avanguardie storiche e della Minimal Art, Vido si esprime attraverso una pittura espressionista i cui rapporti cromatici prediligono il bianco e il nero che maggiormente sottolineano la drammaticità dei contrasti. Risiede e lavora a Como.

Marco Vido was born in Como in 1960 and graduated in architecture at the Politecnico in Milan in 1985. After years of intense activity as an architect, he devoted himself to painting full time. In the first place, this was as his personal passion and he then began to introduce content relating to social issues. Injustice, oppression, inequality and generally the "human question" are all at the heart of his work. Fascinated by the great masters of the historical avant-garde and by Minimal Art, Vido employs an expressionist technique whose palette tends towards the black and white to emphasize dramatic contrasts. He lives and works in Como.


STATEMENT

L’ uomo, umanità, è la parte imprescindibile della tavola. Il cibo è necessario alla tavola dell’ umanità. Senza umanità la tavola è vuota. Senza cibo l’ uomo è vuoto. I sentimenti, otto, in quattro coppie, caratterizzano l’ uomo come umano.
Interpretati, in quattro emozioni, divengono cibo.
L’ amore, tristezza e gioia, è il pane, simbolo dell’ accoglienza e della condivisione.
Tra la sorpresa e l’ attesa dell’ evoluzione del seme, che diviene pianta, è il destino.
La rabbia e la paura, in cui è annidato l’ odio, si esprimono con la carne.
Il mare e il pesce, simboli di speranza e libertà, identificano la purezza o il disgusto per il suo contrario.
Il desiderio, o speranza, che l’ umano ritrovi la strada comune è la base del mio lavoro.


Man and humanity is essential to the table. Food is necessary to the table of humanity. Without humanity, the table is empty. Without food, man is empty. The feelings, eight in number, as four couples, characterize man as human being.
Interpreted in four emotions, become food.
Love, sadness and joy, is the bread, symbol of hospitality and sharing.
Between surprise and the waiting during the development of the seed, as it becomes the plant, lies destiny.
Anger and fear, nestling in hatred, are expressed in the meat.
The sea and the fish, symbols of hope and freedom, identify purity or disgust for its opposite.
The desire, or the hope, that humanity finds a common path underlies all my work.


Ha partecipato all'edizione 2015 Miniartextil INVITO A TAVOLA ( Ex Chiesa di San Francesco, Como).


IMMAGINI

Marco vido miniartextil 2015 Marco vido miniartextil 2015 Marco vido miniartextil 2015



Back